Ambasciata d’Ucraina nella Repubblica Italiana

Kyiv 18:06

L'Unione Sarda.it » Cronaca » Sardegna-Ucraina, un desk virtuale e un volo aereo

27 febbraio 2018, 15:30

http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2018/02/23/sardegna_ucraina_un_desk_virtuale_e_un_volo_aereo-68-700914.html

Sardegna-Ucraina, un desk virtuale e un volo aereo

Venerdì 23 Febbraio alle 19:13


il presidente della camera di commercio di cagliari maurizio de pascale dona un libro sulla sardegna al plenipotenziario yevhen perelygin

Il presidente della Camera di commercio di Cagliari, Maurizio De Pascale, dona un libro sulla Sardegna al plenipotenziario Yevhen Perelygin

L'economia in Ucraina è in crescita e a Kiev guardano con interesse verso la Sardegna.

A spiegarlo è il plenipotenziario della repubblica dell'Ucraina in Italia Yevhen Perelygin, che ha presentato i progetti una conferenza stampa tenuta insieme al presidente della Camera di commercio e di Confindustria Sardegna meridionale Maurizio De Pascale, all'amministratore delegato di Sogaer Alberto Scanu, a Gianfrancesco Lecca, rappresentante degli industriali alla Camera di commercio, e a Gianluigi Molinari, presidente del Cda della Fiera.

L'ambasciatore punta a intensificare i rapporti tra l'Isola e il suo paese.

E, in quest'ottica, ha elencato una serie di iniziative: in primo luogo, l'istituzione di un desk virtuale che costituisca un punto di riferimento per gli imprenditori sardi che vogliono esportare i loro prodotto.

Al tempo stesso, un altro desk dovrebbe essere creato a Kiev per dare strumenti agli imprenditori ucraini che vogliono investire nell'Isola.

Perelygin ha anche ufficializzato l'intenzione di creare un consolato onorario dell'Ucraina a Cagliari.

Non solo: tra gli obiettivi futuri c'è anche l'istituzione di un collegamento aereo tra il capologo sardo e Kiev, la capitale dell'Ucraina, che dovrebbe favorire lo sviluppo dei flussi turistici ucraini verso l'Isola.

Ma è necessario anche un lavoro di informazione nel Paese orientale dal momento che molti ucraini non considerano la Sardegna perché, secondo la voce comune, sarebbe troppo cara.

di Marcello Cocco